Redazione, 13 gennaio 2011, ore 13:00

Progetti/ Confronti/ Incontri
34 designer interpretano il PCI

Roma
14 gennaio / 6 febbraio 2011
Casa dell'Architettura

A cura di Bruno Magno e Stefano Rovai

Trentaquattro designer italiani interpretano in termini grafici e visivi l’idea del Partito Comunista Italiano oggi. Trentaquattro autori che si distinguono, oltre che per l’ovvia soggettività di ciascuno, anche per dati anagrafici: due generazioni a confronto su un tema di forte rilievo storico, politico e sociale per il nostro paese.

L’idea iniziale era di organizzare una mostra che fosse occasione per ciascuno di noi di esprimere quella che è, o è stata, la sua personale idea del PCI, l’immagine che ne ha conservato. Lo scopo era quindi di tradurre visivamente il proprio modo di rapportarsi, in maniera diretta o indiretta, con il partito, ripercorrendo ricordi, valori, significati, convinzioni, illusioni o disillusioni che ad esso ci legano. Alcuni di noi hanno avuto una partecipazione diretta e personale a quella storia, altri l’hanno vissuta dall’esterno: tutti però facciamo parte di una generazione che in qualche modo con il partito si è misurata.

Ma non volevamo scivolare sulla china insidiosa e nostalgica del ricordo, di quello che siamo, non siamo o avremmo voluto essere. Al contrario, il nostro intervento trova forse giustificazione solo in quanto stimolo alla riflessione e al confronto con le nuove generazioni, proprio quelle che per evidenti ragioni anagrafiche non hanno potuto vivere un rapporto diretto con il PCI. Ciascun designer si è relazionato con un giovane progettista grafico, invitato a lavorare a suo modo sullo stesso tema: cosa significa, o può significare oggi il PCI per chi è nato più o meno al momento in cui il partito si è sciolto.

Ecco dunque il perché di questa mostra: i nostri percorsi individuali e professionali, la continuità fra il nostro passato, il nostro presente e quello delle nuove generazioni, l’opportunità di incontro fra i tanti modi possibili di vedere e interpretare lo stesso tema. Tutte motivazioni da cui non è possibile prescindere per chi – come noi – ancora crede nel valore insostituibile del pensiero e del confronto.

http://ilpcinellastoriaditalia.it/mostra

Designer presenti in mostra
Franco Balan_Gianluca Naccarato / Vincenzo Bergamene_Sonia Ziello
Mauro Bubbico_Stefano Faoro / Tiziana Cesselon_Giulia Fiorenza
Franco De Vecchis_Melissa Troiani / Bruno Magno_Giulia Scifoni
Francesco Messina_Roberto Duse / Armando Milani_Sara Paioncini-Maura Puddu
Elisabetta Ognibene_Caterina Zanasi / Mauro Panzeri_Silvia Capurro
Mario Piazza_Marco Basti / Andrea Rauch_Fupete
Stefano Rovai_Niccolò Mazzoni / Gianni Sinni_Laurie Elie
Leonardo Sonnoli_Irene Bacchi / Tapiro_Kim Costantino

Giuliano Vittori_Luca Coppola

Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook