Licenza Creative Commons

Giancarlo Riviezzi, 02 ottobre 2010, ore 05:00

07-teschio
foto Michele Santarsiere

Quante volte ci avete uccisi?
Ci avete trasformati in corpi freddi e rigidi. Cadaveri.

Qui fondiamo la nostra casa.
Sulla vostra mediocrità scaviamo il nostro cimitero di cose belle, per farle rivivere o semplicemente per donare loro morte più dolce. Badilate di byte per seppellirle; o per rivangarle, chissà. Per lottare contro la decomposizione o per putrefare sullo schermo.

Un altro rantolo. L'ennesima battaglia.
Sappiamo di essere sconfitti, ancora una volta.
Anche per questo, combattiamo.

Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna