Ultimi commenti
Stacy in San Rocco, il cane e il pane
Denise in San Rocco, il cane e il pane
oveqowixi in Matera città futura
kufiyanu in Matera città futura
ufemuwoha in Carri amati
oyunulebelu in Carri amati
Ultime gallerie
  Licenza Creative Commons

Tonino Nobile, 15 agosto 2018, ore 15:00

196 san rocco2018 rmodugno
Rocco Modugno, 2018.

Il futuro dell’illuminazione è il led, mi disse un ventennio fa il mio grande fratello emigrante a Milano degli anni ’70, dipendente Philips-Italia settore luce. Da piccolo fratello, anche non capendo una mazza di cosa stesse parlando, gli diedi credito immediatamente. Ora il led è fra noi, sopra di noi, ci illumina d’immenso. A led è la lampada da 3 watt sul comodino per leggere a letto, verso sera, come al chiaro di luna. Il futuro dell’illuminazione è luminoso, sostenibile, ecologico, elettronico.

 

La rappresentazione della Santità con la Luce è straordinaria. La lotta contro la tenebra però, è infinita come la luce naturale del sole. La luce è il simbolo del sommo bene e permette la visione della completezza con la presenza dell’Altro in noi.
La processione per le strade nere d’asfalto fresco liscio del paese è illuminante perché si cammina insieme al Santo Patrono sul carro illuminato guidato dal portatore, anch’egli illuminato, per condurre sulla retta via cavalli che tirano a destra e a sinistra come i pensieri nella nostra mente.
È solo di luce che abbiamo umanamente bisogno; siamo esseri solari, calorosi, dolcissimi senza additivi, non possiamo perderci nella paura delle tenebre e restare oscurati per l’errata percezione di inesistenti mancanze. C’è luce per tutti in sovrabbondanza, non dobbiamo elemosinarla, nessuno può farne elemosina. San Rocco pratica la rinuncia a qualsiasi ricchezza materiale, immateriale e culturale, dimostrando che meno è meglio, che non abbiamo bisogno di tanti fronzoli ma possiamo pure volare in classe economica, perché la destinazione è importante e quando la destinazione è la felicità sulla terra non interessa se si arriva a piedi, su un carro trionfale, su una zattera, su un barcone o sulla nave di una ong.

Siamo i destinatari dell’illuminazione. Siamo luce a noi stessi. La luce non può illuminare la luce, e se la luce più potente è quella della stella più grande allora noi siamo l’urlo del Sole.
Per superare la notte buia, montiamo sui pali la nuova luce da led, il diodo a emissione di luce, eticamente corretta, illuminiamo tutti i colori dell’umanità e contempliamone la bellezza.
San Rocco illumina dentro.

Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna