Franco Mazzoccoli, 25 dicembre 2010, ore 04:00

54-natalecupiello_cover

LUCA (calmandolo) Ma insomma, nun he' capito ca chillo te sfruculea? (A Vittorio) E fanno sempre chesto, 'e vvedite?... Però si vogliono bene... Fanno queste cose, ma il fondo è buono. Eh... ci abbiamo sempre tenuto alla famiglia. Ogni festa, ogni Natale ci facciamo i regalucci... E a mia moglie non ho mai mancato di comprarle qualche cosa quando sono queste sante giornate... L'anno passato le spegnorai l'orecchino... Essa che piacere che n'ebbe! E pure quest'anno... Ho pegnorato l'orecchino e l'ho comprato... (A Nennillo) Vide si avess' 'a veni' màmmeta. (Nennillo va ad origliare a sinistra. Luca, misterioso e sorridente) ...Ho comprato una cosetta...
PASQUALINO E io pure. 'A tengo dinto. Sapete... io sto in casa, donna Concetta mi accudisce...
LUCA (a Pasqualino) Va', Pasca'. Va', piglia chillo cartoccio che sta sott' 'o lietto... (Pasqualino esce per il fondo). Sono sciocchezze, ma quella ne ha tanto piacere... Si nota il pensiero... Ogni anno... come si dice?...
VITTORIO Certo.

PASQUALINO (portando due oggetti avvolti in carta velina) Ecco qua.
LUCA (prendendo uno dei due oggetti e liberandolo dalla carta) ...Un bell'ombrello. (Lo mostra) Guardate... Tutta seta. Questo, mi ha detto il negoziante, è buono pure per quando c'è il sole; è un colore che si adatta a tutto. Ha detto così: «Qualunque cosa succede, aprite 'o 'mbrello»... Sapete quando è inverno, con questi tempi, chella scenne a fa' 'a spesa... Cosi si ripara.
VITTORIO Bellissimo.
PASQUALINO (mostrando anche lui il suo regalo) E io ho preso questa borsa. Vi piace? Tutta pelle di cuoio finissimo.
VITTORIO Bene. Bene.
LUCA Questa robba, prima di metterci a tavola, ci presentiamo e ce la diamo. Ci presentiamo come i Re Magi... Chella avit' 'a vede' come ride... (A Pasquale e a Nennillo, stringendoli a sé per non farsi udire dagli altri) Quando ci mettiamo a tavola, ci presentiamo cantando... (Accennando a mezza voce la « Pastorale» di Natale).

Tu scendi dalle stelle,
Concetta bella...
E io t'aggio purtato quest'ombrello!...

PASQUALINO Bravo!... E io po'... (Canta anche lui)

Tu scendi dalle stelle,
o mia Concetta...
E io t'aggio comprato 'na bursetta.

NENNILLO (indispettito, piagnucoloso) E io che porto?... (Mostra Luca) Isso 'o 'mbrello... (Mostra Pasqualino) Chill'ato 'a bursetta, e io niente.
LUCA Ma tu si' guaglione, che c'entra. Chella 'o ssape ca tu nun tiene denare.
NENNILLO No. Io voglio purta' 'a burzetta.
PASQUALINO E già... chella l'aggio accattata io e 'a porta isso!
NENNILLO E che me ne 'mporta a me? 'A voglio purta' io!
LUCA Ma nossignore. Ecco qua (Va al buffet e prende un piatto con un'arancia) Tu puorte 'a lettera e 'o purtuallo. E quando nuie dicimmo: «... e t'aggio cumprato 'sta burzetta » tu viene appriesso e faie: «Tarà, tarà, tarataratà...» He' capito?

Eduardo De Filippo, Natale in casa Cupiello, Einaudi ed., Torino, 1964

Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook