Licenza Creative Commons

Fronda d'ulivo

Mauro Bubbico, 22 agosto 2014, ore 20:00

185-fronda-rosa
Comune
di Montescaglioso, locandina per il programma culturale di agosto.
Mauro Bubbico, 2014.

"Fronda d'ulivo" è una canzone epico-lirica il cui centro di origine è probabilmente da ricercarsi nell'Italia centrale e la cui area di diffusione sinora accertata si spinge nel nord fino in Romagna e in Istria e nel sud fino alla Puglia e alla Basilicata. Nella versione lucana, la protagonista "Fronda d'ulivo", nonostante sia innamorata di Cundu Scielle, riceve dal padre l'imposizione di disporsi alle nozze con Cuntu Maggi. Scapperà la prima notte di nozze per raggiungere il suo amato.

Aggiungi commento | Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook

San Rocco l'étranger

Tonino Nobile, 16 agosto 2014, ore 12:00

184-san-rocco-processione
Tolve, processione di san Rocco. (foto d'epoca)

San Rocco era un pellegrino, ossia uno "straniero".
Un pellegrino, cioé uno straniero, è il patrono del mio paese, quindi: straordinario, anzi miracoloso.
Peregrinando peregrinando, attraversando campi e percorrendo tratturi, Rocco diventò Santo in terra straniera – nemo sanctu in patria? – in un epoca abbastanza buia, quando il diritto internazionale delle genti era affidato alla buona fede.

Aggiungi commento | Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook

Narrare la tradizione con gli occhi di Maurice Sendak

Mauro Bubbico, 25 gennaio 2014, ore 11:00

179-cucibocca2014-yellow
Mauro Bubbico, 2014.

Nel paese dei mostri selvaggi di Maurice Sendak è una pietra miliare della letteratura per l'infanzia. Apparve la prima volta nel 1963 negli Stati Uniti. A decretarne la fortuna fu il pubblico infantile: tradotto in quasi tutte le lingue, è uno dei libri più letti al mondo. Alla sua uscita il libro suscitò molte critiche di chi lo considerava spaventoso e diseducativo, non adatto a una lettura serale e capace di scatenare incubi nei bambini. "Nessuno prima di Sendak aveva osato mettere un bambino ribelle al centro di un libro destinato all'infanzia, nessuno aveva osato avventurarsi nei meandri della psiche infantile".
Nello sviluppo narrativo del libro di Sendak e della Notte dei cucibocca ci sono molte analogie. Entrambi, con la loro particolare sensibilità nei confronti del mondo infantile, assolvono alla stessa funzione: invitano il bambino a elaborare e vincere le paure e ad aprirsi a un mondo di fantasia e felicità.

13 commenti | Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook

Arriva la festa: tasca vuota e mal di testa

Tonino Nobile, 16 agosto 2013, ore 12:00

177-estate-montese13
Mauro Bubbico, 2013.

San Rocco voglio farti la festa, devo farti la festa, a tutti i costi.
Io speriamo che abbassino i prezzi: quelli dell'illuminazione, i fuochi e le bande "sonore". E il "foglio"?
Andiamo in ordine.

1 commento | Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook

Fine delle abbuffate

Redazione, 29 dicembre 2012, ore 20:00

170-cucibocca animazione
Mauro Bubbico, 2012.

Aggiungi commento | Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook

Un Carro carico di Angeli

Tonino Nobile, 17 agosto 2012, ore 18:00

164-serigrafia andrisani
Michele Andrisani, 1991, serigrafia.

Angelo di Dio e del Carro di San Rocco che sei il mio Custode, illumina, custodisci, reggi e governa me che ti fui affidato dalla Pietà Celeste, amen.

Nel 2009 circa sette Angeli del carro di San Rocco volarono via, esodati, in cinque in una stanza del Capitolo dell'Abbazia di San Michele, L'Arcangelo dell'Intelligenza, quello che ci permette di scegliere il nostro modo di vivere e di dominare l'esistenza. I manufatti in cartapesta hanno trovato sistemazione in due nicchie che sembrano fatte apposta.
Erano ormai vecchi? Dovevano andare in pensione? Erano stanchi di stare sul Carro? Non facevano bene il loro lavoro?
Con la loro aura di antiquariato moderno, ora continuano a ricordarci con la presenza artisticamente materiale, la presenza spirituale, sottile, invisibile, che abita un luogo straordinario come la nostra Abbazia Benedettina e la Chiesa di Sant'Angelo. Nel 2010 al loro posto sul Carro Trionfale salirono nove Nuovi Angeli, freschi, giovani, splendenti, luccicanti, slanciati, in compagnia di quattro o sei Putti o Amorini (spero di non aver sbagliato a contare tutto) con le loro faccine che non si capisce se sono maschietti o femminucce.

1 commento | Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook

Omofobia

Mauro Bubbico, 17 maggio 2012, ore 21:00

158_omofobia-mostra

158-omofobia-mostra2

È ormai prassi consolidata in Italia, da parte di designer di una certa formazione culturale che considerano la comunicazione visiva una pratica interventista, uno strumento in grado di informare ed educare, produrre autonomamente iniziative con l'intento di accendere il dibattito intorno a temi cruciali per la vita civile del nostro Paese. Omofobia presenta una serie di manifesti progettati e stampati da Studio FM, uno tra i più interessanti studi di grafica milanesi, proprio in occasione della giornata contro l'omofobia del 2010.

3 commenti | Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook

Festa grande d'Aprile

Redazione, 25 aprile 2012, ore 08:00

157-copertina-muratore_w440

Guardatevi! Territori di bande! Misure di sicurezza!
La Resistenza Italiana a cura del Corpo Volontari della Libertà, 1947. Copertina di Remo Muratore. 


157-rionero1

Bilancio di una lotta. Abbiamo pagato la libertà 46.187 partigiani, 46.000 soldati, 40.000 deportati morti.
16.D. Rionero in Vulture (Pz), settembre 1943. Un operatore militare canadese ritrae la folla radunatasi per ricordare le 18 vittime della breve sanguinosa occupazione del paese da parte di militari tedeschi e di paracadutisti italiani della divisione "Nembo", durata dall'11 al 28 settembre.
Mostra della resistenza italiana, di Remo Muratore e Italo Pietra, Bordeaux 1947.

 

157-rionero2

La stessa foto pubblicata nel libro La Resistenza Italiana del 1947 è accompaganta dal testo: L'Italia giovane e nuova, con le case bruciate sui monti, coi quadri rapiti, coi soldati caduti, coi deportati spenti, coi partigiani massacrati. Non abbiamo sotterrato cadaveri, ma semente.

 

157-diagramma-partigiani_w506

Diagramma del Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia.

2 commenti | Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook

San Rocco visto da lontano

Tonino Nobile, 16 agosto 2011, ore 14:00

127-sanrocco_andrisani
Michele Andrisani,
Il carro di San Rocco, 1982 (dipinto a olio 130x200 cm).

Quando sento parlare di San Rocco avverto sempre una cosa strana, è un'emozione, sarà perché io al santo ci credo. San Rocco è il mio santo protettore, cioè protegge da terremoto e da peste moderna la comunità nella quale vivo, lavoro, dove ho casa, famiglia, affetti; la mia identità, insomma.

2 commenti | Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook

Poveri partigiani

Redazione, 25 aprile 2011, ore 11:00

Aggiungi commento | Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook